Il semipermanente che vorrei

CONOSCI TUTTO SUI SEMIPERMANENTI?

Perché è tanto in voga il semipermanente oggi? Facciamo un po’ di luce su questo topic cercando di creare una panoramica su tutto ciò che possiamo trovare sul mercato.
Sentiamo parlare di Easy Off / Soak Off nei vari metodi, One step piuttosto che Two o Three step; come una professionista può orientarsi?

Tutto deve partire da una profonda conoscenza dei sistemi presenti sul mercato, per poter scegliere quale metodo offrire alla propria clientela.

QUANDO NASCE IL SEMIPERMANENTE?

Nel 2009 veniva presentato alla fiera internazionale dell’estetica Cosmoprof, il primo sistema semipermanente ’one step’ tutto italiano, che recitava cosi: TUTTA LA FORZA DEL GEL SOLO NEL COLORE” creato dall’Azienda Dea Beauté (oggi in three step).

Qualche tempo dopo, venne introdotto il sistema soak off, letteralmente ad ‘immersione’. Il suo nome infatti significa gommalacca (shellac) diverso dal polimero tradizionale in gel grazie all’innovativa formula tutta da sciogliere (Soak Off).

QUALE SISTEMA È MIGLIORE?

Per rispondere a questo interrogativo analizziamo ogni metodo presente oggi.

Il ONE STEP soak off usa un unico prodotto che con più passaggi COLORA le unghie in modo veloce, risulta meno resistente e correttivo ma estremamente rapido;

Il TWO STEP soak off invece utilizza due prodotti, colore e top coat, garantendo una buona resistenza per almeno 2 settimane;

Il THREE STEP soak off grazie a tre prodotti separati (base colore e top) GARANTISCE una tenuta di ben 3/4 settimane (tipica dei gel); risulta essere rapido, sottile e poco invasivo rispetto ai gel da ricostruzione tradizionali. Da tener presente però, che il servizio ha una tenuta ottimale su unghie relativamente corte.

La risposta quindi risulta soggettiva, in base a quale servizio si vuole offrire nel proprio salone : velocità o resistenza?

QUALE SISTEMA DI ASCIUGATURA PREFERIRE?

UV: lampade tradizionali a bulbi che utilizzano molta energia per polimerizzare i gel in 3 minuti; periodicamente in base all’uso, occorre cambiare i bulbi per non compromettere il risultato finale del trattamento.
LED: lampade con ridotti consumi di energia, è quindi eco-friendly.
Possono essere utilizzate solo per gel appositamente formulati per questa tecnologia, ma con tempi di asciugatura rapidissimi, in soli 30 secondi polimerizzano perfettamente e non necessitano di nessuna manutenzione per ben 50.000 ore.

Accanto a queste due tecnologie troviamo oggi LAMPADE INTELLIGENTI UV-LED che grazie a spettri di luce più ampi, riescono a polimerizzare sia i sistemi classici UV che LED (sistema di asciugatura 365nm per i sistemi UV e 405nm per l’asciugatura dei sistemi a LED). Scegliamo quindi lampade a doppio sistema, sia per la eco sostenibilità, sviluppando così minori consumi, che per la riduzione dei tempi tecnici già con 24 Watt di potenza.

IL SEMIPERMANENTE È DANNOSO?

No, perché il buon semipermanente è caratterizzato da un ricompattatore della cheratina, PER CUI maggiore è l’utilizzo che si fa del prodotto, maggiore è il rafforzamento dell’unghia trattata, al contrario di quanto si pensi.

Prestiamo solo attenzione a come utilizzare i REMOVER; il vero semipermanente, essendo gommalacca (quindi molto elastico) non va limato ma sciolto, avendo un’attenzione particolare per la cute, motivo per cui sono nate le “clip remover” che permettono di applicare le pads imbibite del giusto liquido, solo sulle unghie, senza irritare la cute.
Limare il semipermanente non è corretto, sia perché si annulla tutto il beneficio di questo sistema NON INVASIVO e sia perché si impiegherebbe più tempo, in virtù della sua natura elastico/gommosa. Il vero semipermanente si  Scioglie non si lima.

PER CHI È INDICATO IL SEMIPERMANENTE?

A chi ha unghie naturali non rosicchiate e non alterate da onicofagia, (disturbo compulsivo che porta a mangiare le proprie unghie in modo ossessivo).
A chi non vuol ricorrere a una vera e propria ricostruzione delle unghie, ma desidera avere una manicure perfetta e che duri nel tempo.
A chi non ama la bombatura tipica delle unghie ricostruite.
A chi non vuole ricorrere a limature o all’uso della fresa per rimuovere lo smalto.
A chi ha poco tempo da dedicare alla manicure e cerca una soluzione duratura, ma non troppo invasiva.

SI PUÒ USARE IN GRAVIDANZA?

Lo smalto semipermanente in gravidanza non comporta alcun rischio per il bambino e per la mamma, potete dunque procedere con l’applicazione dello stesso.

QUALE MARCA USARE?

Il mercato è oramai saturo di aziende che propongono semipermanenti, motivo per cui le professioniste del settore vengono spesso trasportate da un prodotto ad un altro in base al rappresentante di passaggio, piuttosto che da quello che si legge sui Social.

Vi siete mai chieste QUALE AZIENDA abbia mai investito in TESTER più che in pubblicità? Ebbene noi ci fidiamo di Dea Beauté, il precursore delle INNOVAZIONI in fatto di Nails, per questo mettiamo a vostra disposizione un campione TEST del ColorBLOCK il semipermanente fino a 6 settimane RIVOLUZIONE.

Invia una mail con i dati del tuo Istituto dal modulo contatti – A presto

 

 

 

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato