SUI NOSTRI PRODOTTI

Ci sono casi in cui è bene non effettuare mai una ricostruzione unghie ma suggerire alla cliente di rivolgersi ad un medico facendola tornare quando la malattia sarà guarita. Effettuare una ricostruzione in questi casi può portare ad un peggioramento della malattia e ad una mal riuscita della ricostruzione. Fate attenzione anche alle persone diabetiche in quanto sono molto predisposte all’onicoptosi (caduta delle unghie).

Con il termine onicosi si indicano le malattie dell’unghia che si sviluppano non a seguito di traumi. Alcune malattie possono essere le seguenti:

  • ONICOPTOSI si ha lo staccamento dell’unghia con conseguente caduta di quest’ultima. Ciò può accadere in presenza di diabete e altre malattie;
  • PARONYCHIA infezione del PERIONICHIO ovvero infiammazione più o meno profonda del contorno dell’unghia denominato giradito;
  • ONYCHIA infezione della matrice. La base dell’unghia si presenta arrossata, l’onychia è contagiosa;
  • FUNGO con questo termine si indica generalmente una micosi. Conseguenza di un fungo è il sollevamento dell’unghia dal letto ungueale senza il distacco completo di quest’ultima. L’unghia perde il suo colore in maniera graduale dal bordo libero alla cuticola;
  • MUFFA DELL’UNGHIA è una macchia di colore verdastro che si forma sia su unghie naturali che su unghie ricostruite. La muffa è il risultato di una proliferazione di germi che trovano un ambiente ideale quando l’umidità , aria e calore si combinano insieme. Le muffe dell’unghia, micosi, malattie e infezioni possono essere causate oltre che da agenti patogeni anche da una cattiva disinfezione della postazione di lavoro (strumenti, lime, pennelli).

Il semipermanente somiglia ad uno smalto classico, solo per la tecnica di stesura e per il fatto che ha variegate pigmentazioni di colore, l’innovazione dei nostri smalti gel è nella formulazione che, asciugando sia in lampada UV che nelle nuove lampade LED, conferisce allo “smalto gel” una durezza e conseguentemente una durata senza precedenti per questa tipologia di prodotti, arrivando fino a 4/6 settimane e mantenendo una copertura integra, senza graffi ne sbeccature per tutto il periodo, fino alla ricrescita naturale dell’unghia.

Dipende dall’eccessiva quantità di prodotto utilizzato sull’unghia. Questo compromette anche la tenuta. Bisogna utilizzare quindi poco prodotto stendendolo a strati sottili.

Per facilitare ancora di più gli step di applicazione, troviamo in commercio gli smalti OneStep, quelli cioè che hanno la funzione di base-colore-top coat. È solo una boccetta di colore da stendere dopo aver preparato l’unghia (sempre con buffer e primer), passare in lampada e se necessario ripetere l’applicazione per rendere il colore uniforme. Spesso non necessitano nemmeno di essere sgrassati. Una manicure veloce e duratura.

Vi tranquillizziamo subito nel dire che lo smalto semipermanente in gravidanza non comporta alcun rischio per il bambino e per la mamma, potete dunque procedere con l’applicazione dello stesso, anche se ci sono indubbiamente delle considerazioni da fare. Durante la gravidanza, le unghie risultano decisamente più fragili, pertanto reagiranno in maniera diversa ai vari agenti di prodotti chimici o alla stessa lampada UV. Potrebbero infatti subire uno stress eccessivo e danneggiarsi in maniera più importante, indebolendosi ulteriormente, senza contare inoltre, che l’odore particolarmente forte di smalto e solventi potrebbe infastidire non poco la futura mamma, già molto sensibile agli odori.

L’unghia naturale è prevalentemente composta da cheratina. Il processo di formazione dello strato corneo (lamina) è detto cheratinizzazione: in questa fase finale le cellule prodotte dalla matrice destinata a formare la lamina non contengono più il loro nucleo, sono in sostanza cellule morte che vengono man mano eliminate come accade per l’epidermide. L’unghia, intesa quindi come strato corneo che ricopre e protegge il letto ungueale, non è una parte viva del nostro corpo bensì uno strato acellulare (cellule morte). Questa premessa serve a chiarire che le unghie non respirano! La ricostruzione o semplicemente l’uso continuo di smalto non possono creare problemi alle unghie perché non le lasciano respirare. Questo è un luogo comune che ormai è ora di sfatare. Il motivo per cui, a seguito della rimozione, le unghie sono più deboli è dovuto al fatto che la lamina non si è ossigenata per il periodo in cui è stata coperta dal prodotto, ossia, letteralmente detto: “non ha preso aria!”. Tanto è vero che, nell’arco di 7/10 giorni successivi la rimozione, l’unghia torna ad essere com’è sempre stata prima del lavoro di ricostruzione. O così almeno dovrebbe essere. Se le unghie sono sottili, deboli, si spezzano, sono arrossate e faticano a crescere, la causa è da ricondurre a scorrette manualità da parte della tecnica durante i ritocchi, nell’uso improprio della fresa o della semplice lima, o durante la rimozione del prodotto. I materiali creati per la ricostruzione delle unghie sono studiati proprio per non danneggiarle o modificarne la genetica, ma per proteggerle, renderle più belle e addirittura, in alcuni casi, per correggerne difetti estetici condizionanti come, ad esempio, l’onicofagia.

Tutti i centri estetici che si prendono cura della bellezza del corpo, dovrebbero osservare regole fondamentali di igiene. Disattendendo queste regole ci esponiamo ed esponiamo la cliente ad allergie e malattie più o meno gravi. È fondamentale l’uso dei guanti, la disinfezione degli attrezzi da lavoro e gettare via gli accessori monouso e la disinfezione delle mani della cliente con gli appositi prodotti professionali.

Tutti i gel, appena prodotti, presentano un periodo in cui continua il processo chimico che tende a far aumentare il volume del prodotto e quindi a farlo fuoriuscire dal barattolo. Si consiglia pertanto di conservare i gel in luogo fresco e asciutto lontano da fonti di calore e dalla luce e di non rimuovere completamente la stagnola ma di praticare un taglio a croce sulla stessa e di prelevare il gel con un pennello lasciando intatto il bordo circolare del barattolo.

I gel contengono sostanze che reagiscono a contatto con l’ossigeno presente nell’aria. Esso disturba il processo di aggregazione delle molecole durante la catalizzazione. Questo è il motivo per il quale sulla superficie rimane uno strato appiccicoso, detto strato di dispersione che viene rimosso con uno sgrassatore unghie. Lo strato di dispersione favorisce l’aderenza degli strati successivi. Dopo la stesura dell’ultimo strato di materiale è necessario rimuovere lo strato di dispersione con una salviettina imbevuta con il Cleaner (Sgrassatore Unghie).

L’utilizzo di marche diverse di gel potrebbe creare problemi in quanto i prodotti potrebbero non essere compatibili per la diversa composizione chimica che fa variare il processo di polimerizzazione. Consigliamo pertanto l’uso di prodotti monomarca.

Come negli smalti classici, anche il semipermanente può avere due prodotti diversi da usare come base e come top coat. La base ha il compito di sostenere tutti i prodotti che verranno applicati sull’unghia e (nel caso di alcuni marchi) di facilitare la rimozione del semipermanente. Il Top Coat di far durare lo smalto più a lungo e di far mantenere la lucentezza dell’effetto gel. Il Top Coat inoltre può essere anche effetto Matte.

Le cause di indebolimento delle unghie sono molteplici: carenza di minerali o vitamine, uso di particolari medicinali, indebolimento dello stato fisico della persona, stress, nonché l’esposizione delle unghie ad agenti aggressivi come l’uso di acqua, detersivi, saponi, che disidratano l’unghia rendendola così più debole. Il problema delle unghie fragili è risolvibile attraverso l’uso di prodotti specifici come gli smalti rinforzanti a base di calcio (Nailhardner) o ricorrendo alla ricostruzione delle unghie in gel o acrilico, permettendo così all’unghia di crescere e raggiungere la lunghezza desiderata.

La fenolizzazione è una nuova metodica di intervento dell’unghia incarnita, non cruenta, che dà ottimi risultati. Si tratta di un provvedimento definitivo per rimuovere non solo la lamina, ma anche la radice dell’unghia, in modo che la lamina crescendo più stretta non si incarni più lateralmente.

ORDINI & SPEDIZIONI

Online sul nostro sito web. Il servizio Clienti è disponibile dal lunedì al venerdì dalle ore 09:30 alle 18:00. Custumer Care: +39 06 9295 7535 E-mail: info@luxuryestheticbrand.com
Per chi non riuscisse ad utilizzare il sito web, mandi una richiesta d’ordine via e-mail e vi sarà mandato quanto prima un preventivo spesa.

Le nostre spedizioni raggiungono tutte le località del territorio nazionale. I prodotti acquistati saranno consegnati all’indirizzo indicato dal Cliente. LUXURY ESTHETIC BRAND non è responsabile per un indirizzo di spedizione erroneamente dato dal Cliente.

HAI UNA DOMANDA CHE NON TROVI QUI? INVIACI UN MESSAGGIO ORA!

CONTATTI